Non solo Grindr: 5 app dedicate al mondo LGBT

Classifica Classifica

App di incontri: quali sono le chat gay più gettonate dalla comunità LGBT?

C’è chi le usa per trovare l’amore, chi ancora ci spera e sa che è solo una questione tempo prima che il sogno si avveri. C’è chi, invece, si ritrova fra le pagine di Badoo o fra i profili di Tinder perché in cerca di un incontro fugace. Del chiodo schiaccia chiodo per provare a stare meglio o, più semplicemente, di un’avventura.

Nel tempo le app di incontri si sono sempre più specializzate e oggi se ne trovano davvero di ogni genere e tipo, ognuna con un focus sempre più specifico sul target al quale vuole rivolgersi. Fra le applicazioni di dating più utilizzate dagli omosessuali, la più famosa è senza dubbio Grindr, ma non è la sola! Ti suggeriamo altre 5 app di incontri (e non solo) molto amate alla comunità LGBT, anche all’estero.

via GIPHY

5. Applicazioni LGBT: Edge

Si tratta di un’applicazione creata in America per soddisfare uno dei più grandi desideri della community LGBT: il bisogno di essere sempre aggiornati. Edge è nata proprio con l’idea di raccogliere notizie dal mondo sul mondo LGBT, per esempio quelle sulle celebrità e sulle icone omosessuali. Non una vera app di incontri, ma un modo facile e intuitivo per non informarsi velocemente.

4. App gay-friendly: Gay Cities

Un’app molto originale, che consente di avere a disposizione un enorme database di hotel, ristoranti, locali e pub gay-friendly. Non permette di conoscere altre persone direttamente, ma ti porta nei migliori luoghi dove potresti trovare gente molto interessante. E, chi lo sa, magari anche l’anima gemella…

via GIPHY

3. App di incontri gay: Mister X

Un’app di incontri dedicata agli uomini over 30, che propone ogni giorno profili in linea con i propri interessi. Su ogni proposta è possibile lasciare un giudizio: mi piace, mi piace poco, non mi piace. Se anche l’altro utente esprime lo stesso parere, allora sarà direttamente l’applicazione a incoraggiare l’interazione fra i due aprendo una chat privata.

2. App LGBT: Misterb&b

via GIPHY

Come suggerisce il nome stesso, questa travel app prende ispirazione da Airbnb. Il suo scopo principale è infatti quello di affittare appartamenti per un breve periodo. La sua particolarità? Si rivolge principalmente alla comunità LGBT, con un’attenzione particolare alla sicurezza: gli alloggi proposti agli utenti sono sempre sicuri e in Paesi nei quali l’omosessualità non è considerata un reato. 

1. App di incontri: Once

La nota applicazione di online dating, che si caratterizza per i match di qualità proposti una sola volta al giorno, ha introdotto di recente una nuova feature grazie alle quale gli utenti possono pubblicare il proprio orientamento sessuale. Considerato che l’app gestisce ogni giorno ben 4 milioni di chat, non è una cattiva idea provare a scaricarla. 

Foto apertura: Fabio Formaggio © 123RF.com

Amore e coppia
SEGUICI