Lo ami, ma è asessuale: che fare?

Guida Guida

Ti sei innamorata di una persona speciale, ma hai scoperto che è asessuale: come uscirne?  

Ti sei innamorata di una persona speciale, ma hai scoperto che è asessuale: come uscirne?  

Con il termine asessualità si indicano le persone che non provano interesse nei confronti del sesso o che non hanno attrazione fisica verso altre persone, indipendentemente dal loro genere o orientamento sessuale.

Un tempo la sessuofobia veniva vista come una patologia, nel senso che non avere pulsioni sessuali era interpretato come una turba. In realtà, si tratta di una condizione che caratterizza (fin dalla nascita) parecchi individui. La difficoltà non consiste tanto nella mancanza di sesso nelle proprie vite, ma nel dover convivere con questo stato psico-fisico quando si ha a che fare con altre persone.

Come capisco se il mio partner è asessuale?

Esistono dei sintomi di asessualità per capire se la persona che si ama ne è affetta? La risposta è affermativa. Se non possiamo parlare di test a tutti gli effetti, si può comunque stilare un elenco delle domande più comuni per individuare un partner asessuale.

L’asessualità non è la conseguenza di un trauma: non dobbiamo quindi convincerci di poter essere una motivazione per rendere il sesso interessante agli occhi di un asessuale. Questi ultimi provano repulsione nei confronti del sesso e, sebbene si innamorino di altre persone, non sentono l’stinto di dover andare a letto con loro. Al contrario, il sesso viene visto come qualcosa di sgradevole, di poco piacevole.

Come mi comporto se il mio partner non vuole fare sesso?

Innanzitutto bisogna partire dalla consapevolezza che far sentire un asessuale diverso, come se avesse una malattia, è il modo peggiore per poter instaurare una relazione duratura ed equilibrata con lui/lei. Chi è asessuale e può vivere in tranquillità questa condizione, si sente di poter stare bene col suo modo di intendere la sessualità. In caso contrario, si rischia di trascinarlo in una condizione di emarginazione e isolamento.

Essere asessuali non è una scelta e non bisogna far sentire l’altro un peso se la sua mancanza di libido lo porta a non voler fare l’amore. In casi come questo, si consiglia di rivolgersi a un terapista, chiedere il parere di amici che si sono ritrovati in una situazione simile, ma stanno insieme da anni, oppure accettare con maturità lo stato delle cose e imparare a dare priorità ad altro nella relazione. Il sesso è importante, è vero. Ma se non fa stare bene l’altro, si può comunque riuscire a creare un equilibrio di coppia anche rinunciandoci. E comunque, ci sono sempre i sex toys! ;)

LEGGI ANCHE: Pansessuale, demisessuale, sapiosessuale le nuove vie del sesso

Amore e coppia
SEGUICI