Casa design: 5 errori da evitare per un arredo top

Classifica Classifica

Una casa di design non è sempre sinonimo di budget altissimo: è possibile arredare senza dare fondo al portafoglio, a patto di non commettere questi 5 comunissimi errori.

Arredare una casa di design è tanto soddisfacente quanto difficile. Non sempre, infatti, il gusto personale si sposa con il budget a disposizione, e spesso si finisce per comprare mobili online senza vederli dal vivo per cercare di risparmiare qualcosa o a battere fiere e mercatini in cerca di mobili d’occasione (magari dal gusto kitsch) rinunciando alla consulenza di un arredatore d’interni.

Esperienze che, per quanto faticose e a tratti frustranti, possono in realtà rivelarsi molto gratificanti, a patto di trovare arredi economici che siano in linea con lo stile d'arredo cui sono destinati. L’importante è che, nell’arredare casa, si evitino questi 5 macro-errori validi per tutti.

1. Riempirla troppo

Less is more, meno è meglio, nella moda come nell’arredamento: inutile e deleterio farsi prendere dalla frenesia di acquisto, meglio investire in pochi pezzi, ma di ottima fattura, e poi aggiungere poco per volta via via che la stanza prende forma.

2. Prestare poca attenzione ai dettagli

Sempre citando la moda, è importante ricordare che sono gli accessori a fare la differenza: un particolare lampadario, tende, tappeti e quadri personalizzano moltissimo un’abitazione e contribuiscono ad aumentare il senso di “casa”, aiutando il proprietario a esprimere al massimo il proprio stile.

3. Inibire luce e spazio naturali

La luce naturale è sempre da preferire a quella artificiale, non importante quanto trendy ed elegante sia il sistema di illuminazione. Stessa cosa vale per gli spazi: se avete stanze dalle metrature ampie, non riempitele di mobili e oggetti, ne guadagnerete in stile e abitabilità.

4. Non individuare il proprio stile

Shabby chic o marinaro? Country o coastal? Minimal o ricercato? Ogni casa ha il suo stile e ogni stile ha i suoi accessori: non avere le idee chiare può portare a un’accozzaglia di mobili e complementi d’arredo completamente slegati l’uno dall’altro. Una “cacofonia” di stili e colori che rischia di offendere l’occhio.

5. Soldi non è sinonimo di buon gusto

Ultima, ma non ultima: non c’è niente di più sbagliato che pensare che spendere tanto nell’arredamento sia assicurazione di una casa chic e stilosa. È vero, solitamente il design ha un costo, ma ci sono molti giovani designer che offrono collezioni e pezzi unici a prezzi abbordabili, è sufficiente cercare bene, informarsi ed evitare di cadere nel cliché che “più spendo, meglio spendo”. I Casamonica, e i loro troni e marmi, insegnano.

Casa e fai da te
SEGUICI