Greta Thunberg: 5 abitudini green per salvare casa (e il pianeta)

Guida Guida

A soli 16 anni Greta Thunberg è diventata un modello e un punto di riferimento nella lotta al riscaldamento globale. E noi possiamo aiutarla iniziando ad avere piccole buone abitudini quotidiane tra le mura di casa: ecco da dove iniziare.

Con le sue trecce e la sua voce pacata ha diviso il mondo: Greta Thunberg, la giovanissima attivista per il clima svedese diventata volto e simbolo della lotta al cambiamento ambientale, è sicuramente una dei personaggi del 2019.

Protagonista di polemiche, dibattiti e meme diventati virali, punto di riferimento per migliaia di giovani (e non solo) attenti allo sviluppo sostenibile e sensibili al riscaldamento globale, Greta è diventata per molti un vero e proprio modello, a dimostrazione del fatto che anche una singola voce può provocare un frastuono assordante se colta dalle orecchie giuste.

E anche se non tutti possono impegnarsi a salvare per il pianeta nel suo stesso modo - Greta ha dedicato l’estate alla traversata oceanica verso New York, dove parteciperà a un summit dell'Onu sulle emissioni zero - si può comunque supportare la sua battaglia iniziano da piccoli gesti quotidiani che non contribuiscono soltanto a salvare economia e finanze, ma anche il pianeta. Ecco cinque abitudini green da adottare già da… ieri!

1. Riciclare, riciclare, riciclare

Il riciclo è fondamentale per l’ambiente: che si tratti della comune spazzatura, da smaltire nella maniera corretta, agli abiti che tornano a nuova vita, evitare di sprecare è una delle regole base per prendersi cura del pianeta. Iniziando dalle mura di casa.

2. Mangiare meno carne

Greta è vegana, e non ne ha mai fatto mistero. Il che significa che non mangia derivati animali: uno stile di vita che non tutti sono in grado di mantenere, ma si può iniziare limitando al massimo il consumo di carne. Secondo gli scienziati, entro il 2050 i cambiamenti di regime alimentare potrebbero liberare milioni di chilometri quadrati di terreno e ridurre le emissioni globali di CO2 fino a otto miliardi di tonnellate all'anno.

3. Limitare il consumo di plastica

L’emergenza plastica è ormai cosa nota. Le bottiglie di plastica, in particolare, compongono la maggior parte dei rifiuti che si ammucchiano nelle discariche e che finiscono nei nostri mari. La soluzione più green? Preferire bottiglie di vetro e caraffe per casa (bevendo la potabilissima acqua del rubinetto) e usare una borraccia per quando si esce di casa.

4. Riciclare il cibo

Gli avanzi spesso finiscono nell’immondizia, ma imparare a cucinare con ciò che resta nel piatto o nel frigorifero aiuta sia il budget sia l’ambiente: da ciò che potrebbe sembrare un avanzo da gettare può nascere una vera prelibatezza, basta usare un po’ di ingegno.

5. Tagliare i consumi

Acqua in primis, elettricità subito dopo: evitate di accedere le luci in casa durante il giorno e se non è indispensabile, chiudete il rubinetto mentre vi lavate i denti o vi insaponate, investite su miscelatori smart e lampadine a led a basso consumo. Arriveranno benefici in bolletta, e contribuirete a dare una mano al pianeta.

Leggi anche: Come risparmiare energia (e denaro) in casa

Foto apertura: Pop Nukoonrat © 123RF.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI