Come e quando potare le rose

Guida Guida

Le rose, se ben potate, si mantengono sane, vitali e ricche di fiori: ecco quando e come intervenire con una corretta potatura.

Le rose, se ben potate, si mantengono sane, vitali e ricche di fiori: ecco quando e come intervenire con una corretta potatura.

La potatura è fondamentale per mantenere le rose giovani, sane e ricche di fiori ma è necessario eseguirla con competenza: le regole cambiano a seconda della specie e della varietà di rosa con cui si ha a che fare. Il criterio fondamentale resta comunque il buon senso, operando con cautela e sensibilità per non alterare il portamento naturale della pianta.

Ricorda che le cesoie con cui poti le tue rose devono essere ben affilate, pulite e disinfettate: in questo modo il taglio sarà preciso, si cicatrizzerà in breve tempo e la pianta non si infetterà.

Il taglio corretto va effettuato in modo netto sopra la gemma, leggermente obliquo e rivolto verso l’esterno.

Tieni presente poi che tutte le rose vanno private dai rami secchi: vanno tagliati finché non si trova il midollo sano e integro che si riconosce da quello morto e annerito, perché caratterizzato da un colore chiaro all’interno e dalla corteccia verde all’esterno.

Le rose rifiorenti moderne come la Floribunda necessitano di due potature: una invernale, tra gennaio e febbraio, e una primaverile dopo la prima fioritura. Nel taglio di rinnovo invernale vanno tolti tutti i rami vecchi e secchi e vanno accorciati quelli giovani, mentre nel taglio primaverile si effettua una “potatura verde” eliminando cioè i fiori appassiti e accorciando i rami di circa un terzo della loro lunghezza.

Le rose non rifiorenti, cioè che fioriscono solo una volta l’anno tra maggio e giugno come la Gallica, l’Alba o la Centifoglia, non necessitano di una potatura drastica perché i fiori sbocciano sui rami di uno o più anni. Vanno potate leggermente in inverno accorciando i rami laterali a tre o più gemme e togliendo i rami secchi e poi, una volta sfiorite, vanno potate in estate accorciando i rami troppo lunghi e togliendo le corolle appassite.

Le rose Tè e le Cinesi, caratterizzate da una fioritura continua, necessitano di una potatura invernale contenuta, eliminando i rami vecchi quando non c’è più il rischio di gelate, e da una leggera pulizia estiva.

Infine le rose rampicanti e le rambler vanno potate alla fine dell’inverno, eliminando i rami secchi e accorciando i rami laterali a due o tre gemme: occorre poi controllare che i rami siano bene ancorati ai sostegni in modo da regalare alla piante un andamento morbido e aggraziato.

Foto © Richard Villalon - Fotolia.com

Pulizia di base

Prima di iniziare la potatura delle rose esegui sempre una buona pulizia alla base dell'arbusto eliminado foglie secche ed erbacce che soffocano la pianta.
 

Casa e fai da te
SEGUICI