L’insetto stecco: dove vive, cosa mangia e quanto costa allevarlo

Guida Guida

Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sull’insetto stecco, piccolo e curioso fasmide che vive sulle piante, tra le cui foglie tende a mimetizzarsi.  

Scopriamo tutto quello che c’è da sapere sull’insetto stecco, piccolo e curioso fasmide che vive sulle piante, tra le cui foglie tende a mimetizzarsi.  
Ti potrebbero interessare

Il Bacillus rossius, meglio conosciuto come insetto stecco, è un insetto dell'ordine dei Fasmoidei o fasmidi, dal greco phasma “fantasma”, in riferimento al loro particolare aspetto esteriore.

Caratteristiche dell’insetto stecco 

Dotato di un capo piccolo con antenne corte, zampe lunghe e gracili, l’insetto stecco ha una forma allungata che lo rende proprio simile a un bastoncino di legno o al ramoscello di una pianta di circa 12 cm.

Insetto stecco: i colori

Il colore di questo curioso insetto varia dal verde al marrone chiaro: nelle femmine l'addome è circondato da una sottile linea chiara e le ninfe, cioè gli esemplari piccoli, sono di colore verde chiaro.

Insetto stecco e mimetismo 

La struttura fisica del Bacillus rossius è tale da permettergli, sia nello stadio adulto che in quello di larva, di mimetizzarsi efficacemente tra i ramoscelli delle piante di cui si nutre.

Insetto stecco: dove vive 

L’insetto stecco vive nel Mediterraneo nord-occidentale, soprattutto in Spagna, Francia meridionale e in Italia.

Questo insetto ha una vita sessuale piuttosto particolare poiché si riproduce sia per partenogenesi, cioè senza la fecondazione delle uova da parte del maschio, sia tramite una riproduzione anfigonica, in tal caso il nuovo organismo si genera dall'unione di due cellule sessuali, i gameti, ciascuna proveniente dai due genitori.

Insetto stecco: cosa mangia 

Il Bacillus rossius è fitofago, poiché si nutre sostanzialmente di foglie di rovo, faggio, ciliegio, melo, nocciolo, nespolo, querce, mirto e biancospino e anche di rose.

L’insetto stecco gigante 

Di recente sono state scoperte nelle foreste del Madagascar settentrionale due nuove specie di insetto stecco straordinariamente grandi e dai colori sgargianti.

Queste nuove, colorate e giganti specie di insetto stecco, che misurano intorno ai 24 cm di lunghezza e rappresentano un caso straordinario dell’evoluzione di questo ordine di insetti, sono state chiamate Achrioptera maroloko e Achrioptera manga.

Addirittura nel 2014, è stato invece avvistato in Cina, nella provincia del Guangxi, un insetto stecco gigante lungo 62,4 centimetri: è il più lungo esemplare mai individuato.

Allevare l’insetto stecco 

È possibile allevare un insetto stecco ma occorre attrezzarsi di un terrario sufficientemente accogliente: per due coppie ne serve uno a 30 x 30 x 40 cm in cui mantenere una temperatura di
20-25 °C e un’umidità costante dell’aria.

Insetto stecco: quanto costa

Gli insetti stecco non sono molto longevi: la loro aspettativa di vita si attesta intorno a un anno. Se si decide di allevarli si possono spendere pochi euro, in media circa una decina per l’acquisto di un esemplare, ma si deve tenere conto che le cure e l’allestimento del terrario richiedono impegno e costanza.

L’insetto stecco italiano 

L’insetto stecco è presente nella nostra penisola: nel nord Italia si trovano solo le femmine che si riproducono per partenogenesi, mentre nell’Italia centro meridionale si trovano sia esemplari femmine che maschi.

L’insetto stecco morde? 

L'insetto stecco non morde e non punge ma comunque sa difendersi: non potendo neppure scappare dai predatori, li confonde utilizzando la strategia del mimetismo.

Foto apertura: Bidouze Stephane - 123RF

Animali e cuccioli
SEGUICI