Cos'è la sindrome del gatto volante?

Domande Domande & Risposte

Sapevi dell'esistenza di una sindrome nota con il nome di "sindrome del gatto volante”? Sappi che si tratta di una di una delle cause più comuni di incidenti domestici che vedono protagonista un gatto. E le conseguenze, tavolta, possono essere anche piuttosto gravi. Scopriamo di più.

Sindrome del gatto volante: cos'è? 

La sindrome del gatto volante consiste, molto semplicemente, nella perdita di equilibrio da parte del micio con conseguente caduta. Le cadute dei gatti da altezze elevate come un balcone, un cornicione o il davanzale di una finestra, capitano infattipiù spesso di quanto si è portati a credere.

Di solito si è abituati a pensare ai gatti come animali in grado di passeggiare con certa sicurezza e con gran facilità ad altezze vertiginose senza cadere mai ma a volte, per un errore di calcolo delle distanze o per mancanza di esperienza, i gatti possono cadere e farsi veramente male, riportando traumi gravi.

gatti in equilibrio

Foto Sergey Nivens © 123RF.com

Sindrome del gatto volante: quali sono i gatti più a rischio?

I mici più inclini alla sindrome del gatto volante sono soprattutto gattini giovani e curiosi, che sono inesperti e devono ancora imparare a calcolare bene le distanze.

Anche i gatti non sterilizzati, che faticano a controllare i propri impulsi sessuali e i propri istinti, rischiano spesso di perdere l'equilibrio mentre fuggono attraverso finestre e balconi per raggiungere altri gatti con cui accoppiarsi.

A volte è solo la distrazione a causare la perdita di equilibrio di un gatto: purtroppo i gatti che sperimentano una caduta dall’alto sono recidivi, quindi conviene mettere in atto tutta una serie di precauzioni per impedire che possano cadere nuovamente.


Sindrome del gatto volante: conseguenze e tipi di lesioni

Le lesioni conseguenti a una caduta dall’alto, note come “High Rise Disease”, comprendono tutta un'ampia gamma di traumi: fratture del palato, fratture degli arti, traumi toracici, rottura della vescica, lesioni epatiche ed ernia diaframmatica.

Alcune lesioni possono non essere immediatamente visibili ma solo diagnosticabili con accertamenti diagnostici come radiografie ed ecografie.

Ecco perché dopo che un gatto è caduto da un'altezza significativa, bisogna evitare di muoverlo o toccarlo e si deve chiamare il pronto soccorso veterinario, che vi fornirà adeguate informazio si come muovere e trasportare un gatto ferito. 

Foto di apertura bravissimos © 123RF.com

CHIEDI A DEABYDAY
La riposta non ti soddisfa? Chiedi nuovamente a DeAbyDay
Chiedi
Animali e cuccioli
SEGUICI