Seadas sarde, la ricetta facile per farle in casa

Guida Guida

Fiore all’occhiello della pasticceria sarda, le seadas sono irresistibili alla sola vista: ecco come prepararle facilmente.

Fiore all’occhiello della pasticceria sarda, le seadas sono irresistibili alla sola vista: ecco come prepararle facilmente.
  • DifficoltàDifficoltà: facile
  • CostoCosto: basso
  • CategoriaCategoria: Dolci
  • CucinaCucina: Sarda
  • PorzioniPorzioni: 6
  • CotturaCottura: Fritto
  • Tempo preparazioneTempo preparazione: 30 min min
  • Tempo cotturaTempo cottura: 30 min min
  • Tempo totaleTempo totale: 1 h min

La ricetta tradizionale delle seadas sarde ci regala una chicca irrinunciabile, un dolce tipico della Sardegna di fronte al quale resistere è praticamente impossibile. Fritte o al forno, le seadas sono una preparazione di origine povera composta da due dischi di pasta di semola ripiena dell’insostituibile formaggio fresco sardo, il tutto innaffiato da una colata di miele.

Seadas sarde, la storia

Difficile delinearne le origini. Secondo alcuni, tali dolci sardi sarebbero di provenienza spagnola: il nome seada deriverebbe proprio dal termine cebar, ovvero cibare, anche se tale tesi non è molto avvalorata.

Più accreditata è la credenza secondo la quale il nome di tali appaganti delizie sarebbe da riscontrare nel termine latino sebum (o sardo sebu) che denota il grasso di origine animale. Ciò a sottolineare l’aspetto quasi unto e lucente che caratterizza le seadas una volta pronte.

Sulla natura di origini modeste, invece, non ci sono dubbi: le seadas sarebbero nate nelle cucine dei pastori e costituiscono, ancora oggi, una classica ricetta della nonna.

Varianti delle seadas

Diverse sono le varianti del dessert: le seadas di ricotta sono tra queste. A molti non piace l’idea di trovare del formaggio all’interno di un dolce, e la ricotta rappresenta una degna sostituta.

C’è chi preferisce le seadas con mozzarella e chi, invece, con la carne, nella versione salata da provare. A fare contenti un po’ tutti, però, sono le seadas al cioccolato.

 

Gli ingredienti delle seadas sarde

  • ½ kg di farina di semola di grano duro
  • 50 gr di strutto
  • 250 ml circa di acqua tiepida
  • 1 pizzico di sale
  • 400-450 gr di formaggio fresco di pecora
  • scorza di un limone
  • olio di semi per la frittura
  • miele sardo qb

La ricetta delle seadas sarde

  • Mettete il formaggio a scolare almeno due giorni prima coperto da un panno pulito ed a temperatura ambiente.
  • Preparate la pasta: create una fontana con la farina e versate al centro l’acqua con dentro il sale. Unite man mano anche lo strutto cercando di impastare.
  • Adesso lavorate a lungo il tutto con le mani fino ad ottenere un composto liscio, elastico ed omogeneo. Fate riposare in frigo per una decina di minuti.
  • Nel frattempo, fate scaldare il formaggio a pezzetti in un tegame, una volta sciolto trasferitelo in una terrina e profumatelo con la scorza di limone.
  • Adesso ponetelo a cucchiai su della carta forno dandogli una forma tonda. Una volta solidificato, stendete la pasta e ritagliatela ottenendo dei dischi dello stesso diametro.
  • Disponete il formaggio su metà dei dischi, sovrapponete quelli rimasti e sigillate bene i bordi.
  • Versate in un tegame abbondante olio per la frittura e fatevi friggere le seadas da ambo i lati e fino a doratura. Una volta cotte, irroratele con il miele.

Foto apertura: Alessio Orr © 123RF.com

 

Cucina e ricette
SEGUICI