Micro influencer: chi sono, cosa fanno e come diventarlo

Notizia Notizia

Non sempre sono i grandi nomi a fare la differenza. In una strategia social anche i profili più piccoli ma ben calibrati possono cambiare le carte in tavola per un'azienda. Ecco chi sono i micro influencer.

Non tutti possono permettersi di sborsare cifre astronomiche per ottenere un post su uno dei profili degli influencer più importanti e pagati al mondo. Soprattutto, non tutte le strategie funzionano passando dai grandi nomi come quello di Chiara Ferragni.

Chi sono e cosa fanno i micro influencer

Gli influencer strategist sono sempre più interessati a un nuovo fenomeno in ascesa: quello dei micro influencer. Profili con un'audience più ridotta ma fedele, contenuti ben calibrati e forte engagement capaci di fare la differenza nella storia di un brand.

influencer

Foto: WARAVUT PRAMAPONG © 123RF.com

L'autenticità dei micro influencer

I micro influencer sono utenti social che hanno un importante seguito in nicchie specifiche. A renderli pedine importanti nel piano strategico di social marketing di un'azienda sono l'engagement con la propria community e la sua fedeltà.

Il micro influencer si limita a comunicare le proprie passioni, senza un piano editoriale o un brand particolare come unico riferimento. Non è un personaggio famoso. Ciò che dà valore a questi profili è proprio il suo essere disinteressato al successo, privo di secondi fini, cosa che lo fa apprezzare dal suo pubblico perché autentico.

Come si riconosce un micro influencer

Il micro influencer si riconosce perché dà molto valore alla sua community e interagisce molto con il suo pubblico. Ad ogni commento, domanda o critica, lui o lei rispondono subito.

I numeri assoluti su questi profili non sono molto alti, al contrario della fedeltà del pubblico rende i profili dei micro influencer particolarmente utili per far arrivare in modo diretto e forte un messaggio specifico per quella particolare nicchia di mercato.

Come scegliere un micro influencer

L'influencer strategist si trova a valutare alcuni fondamentali parametri nella scelta di un micro influencer specifico per la propria attività. Il primo elemento è la coerenza tra l'argomento affrontato dal brand e quello dell'influencer. Poi c'è la qualità delle conversazioni e l'indice out-degree, cioè la quantità di persone che un soggetto può raggiungere attraverso determinati canali.

Perché scegliere un micro influencer

I micro influencer offrono alle aziende e agli addetti del social media marketing profili con un engagement superiore (fino a sei volte più efficienti rispetto ai grandi influencer), costano meno e originano maggiori conversazioni sul tema in cui opera l'azienda.

Acquisire un micro influencer non è difficile: basta agire come loro. Diventa essenziale per il brand che vuole sfruttare questo potenziale patrimonio social per il suo business, fidelizzare il micro influencer. Lo si può fare sia tramite coupon, anteprime di modelli o servizi che gli utenti normali non possono avere, ma anche semplicemente coltivando la relazione umana. Del resto, dietro un profilo social c'è sempre una persona in carne e ossa. 

Foto apertura: Amirul Syaidi © 123RF.com

Hobby e tempo libero
SEGUICI