Teff e farina di teff: benefici e usi in cucina

Guida Guida

Il teff è un cereale senza glutine e a basso indice glicemico, adatto a celiaci e diabetici. I suoi benefici sono molteplici. Ecco come cucinarlo e dove si può comprare.

Il teff è un cereale senza glutine e a basso indice glicemico, adatto a celiaci e diabetici. I suoi benefici sono molteplici. Ecco come cucinarlo e dove si può comprare.
Ti potrebbero interessare

Il teff (Eragrostis tef) è un cereale originario dell’Etiopia e dell’Eritrea, di cui esistono due varietà (una bianca e una rossa). Coltivato principalmente in Nord Africa, viene utilizzato anche per preparare l’injera, ovvero un tipo di pane particolarmente ricco di proteine. Noto fin dall’antichità per le su innumerevoli proprietà benefiche, sembra fosse diffuso anche tra gli Egizi dal momento che alcuni suoi semi sono stati rinvenuti nella piramide di Ramsete.

Cos'è il teff, il cereale senza glutine 

I semi di teff sono piccolissimi e hanno un diametro di 0.8 mm. Non potendo separare il germe dalla buccia, dunque, durante la macinatura viene mantenuto l’intero granello: così facendo si conservata l’elevato contenuto di fibre.

Coltivato e consumato abitualmente nel continente africano, in Occidente questo cereale è meno noto e reperibile principalmente sotto forma di farina.

A seconda della varietà di seme utilizzata, inoltre, si può ottenere una farina senza glutine di colori diversi (più o meno tendenti al bianco o al rosso), ma sempre con analoghe proprietà.

I valori nutrizionali del teff 

Foto: Marek Uliasz-123RF

Il teff è cereale abbastanza calorico: 100 g apportano circa 367 calorie (79,7% carboidrati, 14,5% proteine, 5,8% grassi). Inoltre, questo alimento è una preziosa fonte di calcio, potassio, manganese, aminoacidi essenziali, sali minerali, tiamina, niacina, vitamina B6 e fibre. Ha un basso indice glicemico ed è senza glutine, quindi è particolarmente indicato anche per diabetici, per chi soffre di celiachia e gluten sensitivity, per chi segue una dieta dimagrante e per gli sportivi. Inoltre, fornendo un elevato apporto nutrizionale, questo cereale viene considerato di per sé anche un buon integratore alimentare.

Tutti i benefici del teff 

Questo superfood africano è un alimento facilmente digeribile, migliora la funzionalità del colon, incrementa l’assorbimento di acqua e sodio e riduce il rischio di infiammazioni intestinali. E non è tutto: il teff aiuta a controllare lo stimolo della fame, regola i livelli di zucchero nel sangue, stimola la corretta funzionalità intestinale ed è un ottimo antiossidante.

Come usare la farina di teff in cucina 

I semi di teff possono essere mangiati sia crudi che cotti e il granello ha un gusto leggermente dolce. Se si vuole cucinare questo alimento in acqua bollente, è sufficiente calcolare due parti d’acqua per una di cereale. Il teff, inoltre, è un ottimo addensante, ampiamente utilizzato nella cucina africana per preparare zuppe e stufati ed è gustoso anche abbinato ai legumi (come ceci e fagioli). Con la farina di teff, infine, si prepara l’injera e la stessa è anche un ingrediente ideale per impastare dolci, torte, biscotti, pizza o grissini.

>>Leggi anche: "Come e cosa può mangiare un bambino celiaco"

Dove comprare il teff 

Questi cereali d’Etiopia non sono ancora molto diffusi in occidente, pertanto è possibile acquistarli perlopiù nei negozi biologici, etnici o su internet. In commercio il teff viene venduto sotto forma di semi, farine o di prodotti da forno confezionati (come ad esempio i biscotti). I prezzi sono molto variabili, ma indicativamente il costo al kg è inferiore a 10-12 euro.

Foto apertura:katrinshine-123RF

Salute e benessere
SEGUICI