Bolle sulle mani: cosa sono e come si curano

Guida Guida

Le bolle sulle mani possono essere causate da dermatiti, infezioni o disidrosi. Scopriamo cosa sono, la sintomatologia e come si curano, anche ricorrendo a rimedi naturali.  

Le bolle sulle mani possono essere causate da dermatiti, infezioni o disidrosi. Scopriamo cosa sono, la sintomatologia e come si curano, anche ricorrendo a rimedi naturali.  
Ti potrebbero interessare

Le bolle sulle mani sono un disturbo cutaneo particolarmente fastidioso che può essere causato da una molteplicità di fattori diversi (come dermatiti, infezioni o disidrosi). E talvolta possono essere associate anche ad altri fenomeni cutanei come puntini rossi, pelle secca e desquamata o brufoletti.

Inoltre, oltre ad essere uno spiacevole inestetismo cutaneo, tali bollicine in certi casi comportano anche arrossamenti, ulcerazioni della cute e forte prurito. È il caso, ad esempio, delle bolle associate ad eczema, infezioni o a particolari allergie.

Bolle sulle mani: le cause all’origine del disturbo

Le cause all’origine del disturbo sono molteplici. Ad esempio, se le bolle sono una conseguenza della dermatite, le mani possono presentare anche pelle molto secca, fastidiose e dolorose screpolature o macchie rosse tendenzialmente pruriginose.

Un’irritazione di questo tipo, infatti, può verificarsi se ci si espone ad agenti nocivi esterni, se ci si lava le mani troppo frequentemente o se si utilizzano detergenti eccessivamente aggressivi.

Al contrario, se le bollicine sono la conseguenza di un’allergia possono comparire quando si viene a contatto con particolari sostanze cosmetiche, ma anche in presenza di gomma, profumi, coloranti o nichel.

Bolle sulle mani: cos’è la disidrosi

La disidrosi (o eczema disidrosico) è un disturbo cutaneo che si presenta perlopiù in estate e che colpisce principalmente donne in gravidanza o bambini.

La sua manifestazione più evidente è data dalla comparsa di vescicole contenenti liquido sieroso sulle mani che tendono a riassorbirsi spontaneamente in pochi giorni, lasciando la pelle squamosa e sensibile.

Bolle sulle mani: i rimedi

In presenza di anomale bollicine sulle mani è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia o a uno specialista, per individuarne la causa scatenante e per definire l’iter terapeutico più indicato.

Per lenire la sintomatologia, infatti, il dermatologo potrà consigliare farmaci per uso topico, così come antinfiammatori, creme o lozioni cortisoniche o antibiotiche, qualora siano presenti anche infezioni cutanee.

In commercio, inoltre, sono disponibili anche soluzioni antisettiche a base di ipoclorito di sodio specifiche per la disidrosi. Sarà lo specialista, dunque, a indicare il prodotto migliore in base alla problematica esistente.

Rimedi naturali alle bolle sulle mani

Chi preferisce affidarsi ai rimedi naturali può optare per l’Echinacea, un fiore selvatico che è un vero toccasana in caso di infiammazioni cutanee.

In alternativa, si può utilizzare anche la Bardana, una pianta dermopatica che contrasta naturalmente i batteri cutanei. Infine, ben vengano anche il Tarassaco e il grano di avena che svolgono un’azione idratante e lenitiva sulla pelle irritata.

Foto apertura: Olga - 123RF

Salute e benessere
SEGUICI