5 benefici del CBD che non ti aspetti

Guida Guida

Il cannabidiolo (CBD) è un rimedio naturale dalle spiccate proprietà anti-infiammatorie. Può essere utilizzato per migliorare la digestione, ma anche per la cura dei capelli e per stimolare la memoria. Scopriamo 5 suoi benefici inaspettati!

Il cannabidiolo (CBD) è un rimedio naturale dalle spiccate proprietà anti-infiammatorie. Può essere utilizzato per migliorare la digestione, ma anche per la cura dei capelli e per stimolare la memoria. Scopriamo 5 suoi benefici inaspettati!
Ti potrebbero interessare

Concilia il sonno e allevia l’ansia. Ma non solo: è capace di ridurre le rughe, l’acne e la psoriasi. Sono alcune delle proprietà del cannabidiolo (noto anche come cannabinoide o CBD), un particolare composto ottenuto dai fiori delle piante di cannabis e di quelle di canapa.

Andiamo alla scoperta di tutti i superpoteri del CBD!

LEGGI ANCHE: Che cos’è l’olio di CBD?

CBD per la digestione

Il CBD può rivelarsi un aiuto prezioso per trattare diversi disturbi che interessano intestino e apparato digerente. Viene infatti spesso utilizzato a scopo terapeutico per la sua capacità di interagire con il sistema endocannabinoide, la complessa rete di recettori cellulari e neurotrasmettitori che hanno il compito di mantenere l’omeostasi dell’organismo.

Gli endocannabinoidi sono dei particolari neurotrasmettitori a base lipidica che, legati ai recettori di cannabinoidi, attuano dei processi metabolici basilari all’interno dell’organismo.

Inoltre, essi sono in grado di incidere sulla motilità e sulla permeabilità intestinale e sull’infiammazione dei tessuti.

E non è tutto: il sistema endocannabinoide, infatti, influenza anche l’assimilazione di determinate sostanze nutritive e regola determinate connessioni tra apparato digestivo e cervello.

CBD contro i disturbi d’ansia

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che il CBD è in grado di contrastare i disturbi d’ansia. Interagendo con i recettori Cb1 e CB2 e con la serotonina, infatti, il cannabidiolo regola naturalmente diverse funzioni come umore, tensione o sonno.

Inoltre, questo componente della canapa agisce sul sistema nervoso periferico e talvolta può essere indicato anche in caso di attacchi di panico, tensione muscolare o tachicardia.

Olio di CBD e caduta dei capelli

L'olio di CBD è una preziosa fonte di aminoacidi, acidi grassi e antiossidanti essenziali per la salute dei capelli e del cuoio capelluto.

Nello specifico, gli amminoacidi aiutano a rinforzare non solo la cute, ma anche i follicoli piliferi. Gli acidi grassi omega-3 e omega-6, invece, sono particolarmente indicati per contrastare la caduta dei capelli, mentre gli antiossidanti svolgono un ruolo centrale nel mantenerli lucidi e vitali.

Il CBD per migliorare la memoria

Da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Society for the Study for the Addictrion è emerso come il CBD incida positivamente anche sulla memoria e, potenzialmente, anche sul trattamento di alcune malattie neurodegenerative.

Inoltre, al contrario del THC (ovvero uno dei maggiori principi attivi della cannabis) che può provocare danni alla memoria episodica, il cannabidiolo agevola il ricordo senza di contro innescare particolari effetti collaterali o controindicazioni.

CBD: un aiuto per il mal di schiena? 

I cannabinoidi sono un rimedio curativo antichissimo, dal momento che il CBD non è psicoattivo ed è un vero toccasana per alleviare tensioni e dolore fisico (anche cronico).

Questo elemento contenuto nella canapa, infatti, può alleviare mal di schiena, dolori lombari e - a scopo terapeutico e sotto consiglio medico- può essere utilizzato anche per trattare altre patologie. Questo perché il CBD, grazie alle sue proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie, può essere impiegato anche in caso di dolori cronici, infortuni o problemi muscolari.

Salute e benessere
SEGUICI